vai al contenuto. vai al menu principale.

La città di Susa appartiene a: Regione Piemonte - Città metropolitana di Torino

Menu di navigazione

Convento di San Francesco (Sec. XIII)

Nome Descrizione
Indirizzo Piazza San Francesco n.3
Telefono 0122 622548
Apertura Sempre Aperto
Tariffe Accesso Gratuito
Informazioni Nel museo sono conservati libri, arredi liturgici e dipinti dal XVIII al XIX secolo
È il primo edificio francescano in Piemonte, legato al passaggio in Susa del Santo, diretto in Francia nel 1213 - 14.
Oggetto di diverse ristrutturazioni, conserva tuttavia all'interno splendidi affreschi e due bellissimi chiostri.

Storia e Architettura
Secondo un'antica tradizione la chiesa di San Francesco a Susa fu fondata in seguito al passaggio dello stesso santo diretto in Francia nel 1213 o 1214. È certamente una data poco attendibile per la fondazione della chiesa e del convento, risalente a circa la metà del XIII secolo.
La facciata a salienti (ossia con il profilo che segna l'altezza delle navate interne) e tripartita da lesene (pilastri che sporgono dal muro) è abbastanza atipica in Piemonte, dove si predilige la facciata liscia e a capanna, e di probabile ascendenza francese.
Un altro elemento caratteristico è la ghimberga, il frontone a forma triangolare che ingloba il portale, primo esempio piemontese e antecedente ad alcuni famosi portali gotici del Piemonte. Secondo la tradizione la chiesa in origine non presentava un livello ribassato rispetto al suolo circostante: questo dislivello viene attribuito alle frequenti inondazioni del fiume Gelassa. L'interno presenta una pianta a tre navate con transetto, ora chiuso per ricavarne due cappelle (quella di destra attualmente adibita a sacrestia) e l'abside poligonale eretto probabilmente in un secondo tempo, tra la fine del Duecento e i primi anni del Trecento sotto un probabile influsso del gotico francese. La decorazione interna della chiesa risale ai restauri degli anni 1880-87 eseguiti da Arborio Mella. Dello stesso periodo sono gli arredi, tipici del gusto neogotico di fine '800. I due chiostri adiacenti alla chiesa sono di epoca diversa e testimoniano rimaneggiamenti anche profondi di epoche successive. Durante la soppressione napoleonica vennero utilizzati come abitazioni e per usi agricoli.
Ripresa la vita del convento alla fine del secolo, riacquistarono la fisionomia claustrale con i lavori di riadattamento compiuti tra il 1927 e il '31.
Il chiostro meridionale, più antico, presenta un loggiato al secondo piano detto "loggia di frate Elia", a grandi aperture architravate inframezzate da semplici pilastri quadrangolari.
Il porticato al piano terreno, denominato di Sant'Antonio, è suddiviso in campate con volte a crociera di fattura settecentesca.
Sulle lunette sono visibili alcuni affreschi rappresentanti la vita di San Antonio. Scendendo alcuni scalini si giunge al chiostro denominato di S. Francesco (sulle pareti sono dipinte ad affresco scene di vita del Santo). Sotto il porticato sono conservati alcuni frammenti architettonici: un frammento di balaustra in pietra del XIV secolo, alcuni frammenti di lapidi in marmo, pietra o terra cotta del XIII secolo, un bel frammento di paliotto settecentesco in stucco a intarsi policromi.
Interessante è anche il Cristo Crocifisso, in legno scolpito, della fine del XV secolo.
Sul lato occidentale sono state murate due finestre quattrocentesche ad arco acuto in cotto, già appartanenti ad un fabbricato annesso al convento, tradizionalmente denominato "torre di Beatrice".
Sono composte da due colonnine cordonate inframezzate da una fascia a motivi vegetali di notevole evidenza plastica con aggraziate teste femminili.

Affreschi del Convento di San Francesco

Nell'antica sacrestia del convento di Susa osserviamo otto medaglioni con santi francescani; sulla parete a sinistra della porta d'ingresso dell'attuale sacrestia in centro vediamo a destra la Maddalena ed a sinistra Maria; un pò spostato a sinistra è San Bernardo; la volta quadripartita della cappella in cui termina la navata destra presenta gli Evangelisti con San Pietro e San Paolo. Gli otto medaglioni sono della metà del XIV secolo; gli Evangelisti con San Pietro e San Paolo risalgono agli anni tra il 1480 e il 1490; la Maddalena e Maria sono della prima metà del XV secolo; infine S. Bernardo è della fine del XV secolo.
Gli affreschi trecenteschi appartengono ad un pittore ignoto che rivela numerose affinità con l'arte transalpina coeva. I dipinti della prima metà del Quattrocento sono di un maestro che si esprime con una parlata popolare, ma non priva di grazia.
Il S. Bernardo appartiene ad un artista di modesta qualità. Gli affreschi dell'ultima cappella della navata sinistra sono opera della seconda generazione della bottega dei Serra, che in questi soggetti si mostra assai debitrice verso gli Evangelisti di Briançon - opera del capostipite dell'atelier.
Qui sono inoltre riscontrabili alcuni rapporti con la cultura jaqueriana, rispetto alla quale però gli artisti sanno andare oltre, guardando ai modi tipici della cultura franco fiamminga.

Allegati